Piccola Polo, grande sport. | Volkswagen Blog

Piccola Polo, grande sport.

Mar 21, 2018 | Innovazione

“Chi sceglie GTI una volta, la sceglie per sempre” – questa affermazione è un vero e proprio mantra per i fan dei modelli sportivi Volkswagen con le “tre lettere magiche”. GTI: il suono di un fascino inconfondibile. E ora questa storia di successo si arricchisce di un nuovo capitolo: la nuova Polo GTI. La variante più sportiva della nuova generazione Polo, la sesta, è ai nastri di partenza e promette dinamismo puro su tutta la linea: dopo 6,6 secondi la lancetta del tachimetro tocca il settore a tre cifre, all’occorrenza può sfiorare persino i 237 km/h. Con il suo potente motore turbo da 200 CV/147 kW, il raffinato assetto sportivo ribassato di 15 millimetri e i tipici stilemi GTI in onore della tradizione, la nuova Polo GTI è un autentico gioiellino, sia all’esterno che all’interno.

La nuova Polo GTI e i suoi scattanti antenati.

A proposito di tradizione: non soltanto la rinomata “sorella maggiore” Golf GTI vanta una lunga storia, anche la Polo GTI può ostentare una lunga serie di antenati sportivi di assoluto rispetto, ciascuno dei quali con un fascino del tutto speciale. Volgiamo lo sguardo alla storia della scattante Polo, iniziata già nel lontano 1979.

Già allora la variante GT della prima serie Polo faceva furore. Sul piano estetico la versione sportiva della gamma Polo, allora ancora nuova di zecca, non si doveva nascondere neanche di fronte alle “grandi”: soprattutto la cornice rossa della calandra nello stile della Golf I GTI, i cerchi verniciati di nero e rosso, un discreto spoiler anteriore, inserti decorativi e stilemi tipici “GT”, trasmettevano l’impronta dinamica della prima Polo sportiva.

Nel segno della “G”: la Polo II GT G40 (1987)

“La piccola Wolfswagen”, questo gioco di parole che richiamava la città di origine della casa automobilistica, dava il titolo a una campagna pubblicitaria del tempo sulla nuova Polo GT G40 – e la promessa non era eccessiva: ben 85 kW/115 CV da una cilindrata di soli 1,3 litri, una velocità massima di 196 km/h – nel 1987 per un’utilitaria era una vera e propria dichiarazione d’intenti. Il clou: un compressore a spirale a comando meccanico che aiutava il motore con aria compressa ulteriormente raffreddata a erogare una potenza maggiore. D’altronde la denominazione “G40” deriva dalla forma del compressore che richiama la lettera “G”.

Datemi una “I”: la Polo III GTI (1998)

Nel 1998, per la prima volta anche una Polo poté fregiarsi delle “tre lettere magiche”: GTI. Allora Volkswagen limitò la produzione della prima Polo GTI a 3’000 esemplari – e già poco tempo dopo tutti gli esemplari erano stati venduti. Un nuovo motore brillante da 1,6 litri con una potenza di 120 CV/88 kW accelerava la Polo GTI in 9,1 secondi alla velocità di 100 km/h. L’assetto sportivo ricavato dalla Polo 1.6 (100 CV/74 kW) venne ulteriormente ribassato di dieci millimetri per la variante GTI. Negli esterni la potente compatta si mostrava alquanto discreta: soltanto i gradevoli cerchi in lega da 15 pollici della casa BBS e pinze freni verniciate di colore rosso fuoco lasciavano intuire lo spirito sportivo della vettura.

Ritorno sulla scena con potenza turbo: la Polo IV GTI (2006)

Dopo alcuni anni di pausa, nel 2006 ricomparve una versione GTI della Polo. Con la Polo dal peso a vuoto di soli 1’200 kg, il motore da 1,8 litri azionato da un turbocompressore che erogava una potenza di 150 CV/110 kW aveva vita facile. Una vera e propria chicca era la “Cup Edition” (180 CV/132 kW), esteticamente ispirata alle vetture da corsa impiegate nella Polo Cup. Si faceva ammirare per l’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,5 secondi e la velocità massima di 225 km/h.

Fuori i muscoli: la Polo V GTI (2010)

Anche la quinta generazione della Polo GTI aveva qualcosa di unico e inimitabile: il suo motore TSI da 1,4 litri con una potenza di 180 CV/132 kW con sovralimentazione mediante turbocompressore raccoglieva straordinari consensi tra i fan della GTI. Bastava premere l’acceleratore per scattare a 100 km/h in soli 6,9 secondi. Il 2014 fu l’anno del cambiamento radicale – un motore completamente nuovo, un TSI da 1,8 litri in grado di sprigionare 192 CV/141 kW e toccare una velocità massima di 236 km/h. E per gli individualisti della pista era disponibile l’assetto opzionale “Sport Select” con “Sport Performance Kit”, che imprime un tocco di maggiore dinamismo al feeling di guida.

E adesso è arrivata: la nuova GTI, ancora più dinamica, della sesta generazione Polo

Con una potenza di 200 CV/147 kW e cambio a doppia frizione (DSG), assetto sportivo, sedili sportivi e cerchi in lega da 17 pollici. La nuova sportiva compatta è un’ulteriore eccellenza nella leggendaria storia della GTI, infatti il tasto di avvio per il motore TSI da 320 Newtonmetri si è evoluto fino a diventare in questa Polo una sorta di interruttore in grado di consentire una singolare esperienza di marcia. Desidera fare un giro di prova? Il suo concessionario Volkswagen sarà lieto di soddisfarla.

Share This

Your browser is outdated!

For the best user experience, please update your browser.